Assago dal satellite; come è oggi e come potrebbe essere domani ( con la compagnia Musella-Pagliuca & Co.)

Guardate questa immagine di Assago presa dal satellite; riconoscete i luoghi??  non è difficile…

su questa mappa ho evidenziato in verde le aree per le quali i relativi proprietari hanno chiesto al comune , in fase di approvazione del piano di governo del territorio, di cambiare le destinazioni di uso attuali delle aree stesse , dallo stato attale ( sono esenzialmente aree agricole  o a standard) ad aree residenziali ( in pratica vorrebbero costruirci villette/o palazzi) ; in giallo ho evidenziato la lottizzazione dell’area bazzana che è appena iniziata e ci porterà, solo lei, quasi 1500 abitanti…; in arancione ho evidenziato le richieste al comune degli operatori del forum e del carrefour di poter costruire ulteriori strutture turistico ricettive  e commerciali nelle rispettive aree ; poi ho evidenziato in rosa la famosa area D4 dove l’operatore ha ancora la possibilità di costruire alcuni palazzi per uffici…; ho invece evidenziato in azzurro le aree di proprietà del comune che sono state definite come vendibili nel piano delle opere triennali ( per costruirci evidentemente).

Per finire in rosso ho evidenziato i confini del fantomatico Bosco in città ( dal costo milionario) che doveva fare la proprietà della bazzana a scomputo delle opere di urbanizzazione, ma che Musella gli ha sottratto con una variante , per poi fare lui la gara per la progettazione; gara che ha revocato a metà del percorso ( dopo aver già aperto le buste “tecniche” dei partecipanti alla gara stessa ), per via del patto di stabilità, salvo annunciare solo poche settimane  dopo la revoca della gara, che il bosco lo farà dall’anno prossimo ( ma allora perchè ha revocato la gara? non poteva solo “sospenderla? ora farà una nuova gara? altro tempo  dei funzionari comunali sottratto ad altre attività ;mah….)

guardando questa planimetria e pensando che siamo sotto di 4 milioni di euro per rispettare il patto di stabilità 2011 ,   che lo stato e la regione diminuiranno sicuramente i trasferimenti di fondi ai comuni,    che Musella continua a sbandierare di voler fare il Bosco in città, l’auditorium, le strade, la riqualificazione delle vie e delle piazze, che non rinuncerà sicuramente a sagre, feste e luminarie  e che dobbiamo ancora pagare più di 2 milioni di euro per la metropolitana,  mi domando e vi domando  non senza qualche brivido : secondo voi come come fara’ a trovare i soldi per fare tutte queste cose? pensate anche voi quello che penso io? come si suol dire…a pensar male si fa peccato …ma qualche volta ci si azzecca….

meditate cittadini…  quale futuro vogliamo/ volete  per Assago ?  come vogliamo/ volete  utilizzare il residuo territorio non ancora cementificato?   quali sono  le vere priorità  ?

La destra di Musella, Longo Pagliuca e la loro litigiosa compagnia  sono state in grado fino ad ora di rispondere alle vostre aspettative? stanno rispettando le promesse  fatte in campagna elettorale? hanno a cuore ,come primo obiettivo, il bene di Assago?

Donato Santobuono

Be Sociable, Share!

    33 pensieri su “Assago dal satellite; come è oggi e come potrebbe essere domani ( con la compagnia Musella-Pagliuca & Co.)”

    1. One thing is the fact that one of the most widespread incentives for utilizing your card is a cash-back and also rebate provision. Generally, you’ll get 1-5% back upon various expenditures. Depending on the card, you may get 1% in return on most expenditures, and 5% back again on expenditures made at convenience stores, gasoline stations, grocery stores plus ‘member merchants’. cheapest louis vuitton purses http://high-quality-replica-louis-vuitton-bag.webs.com

    2. Vorrei che qualcuno mi spieghi (e i documenti cartacei poco importano) come mai nel 2012 era della digitalizzazione dei documenti del clou computing (nuvola) il comune di Assago non riesca a dare informazioni puntuali in tempo ” quasi reale” sul sito, degli eventi del consiglio,delibere,gare e appalti.
      Piano urbanistico Bazzana i lavori dell’edilizia convenzionata stanno finendo (strade illuminazione) però un bellissimo video virtuale sulla futura Cascina S.Ilario Residenziale e non.

    3. approfitto di questo blog per cercare di capire come mai l’amministrazione sta togliendo i servizi alla persona per cittadini indigenti assaghesi, non basta dire non ci sono i soldi ma vi sono leggi, sentenze e articoli della costituzione che garantiscano un sostegno ai più deboli, proprio il sindaco Musella sul tema sociale si è fatto porta bandiera, quando una societa azzera i valori morali vuol dire che si è toccato il fondo.

    4. solo per precisare quanto detto al post n 26, il saldo alla scuola , avvenuto non molti giorni fa, si riferisce ai progetti portati a termine nell’anno scolastico 2010 (periodo settembre 2010-giugno 2011); i progetti relatvi all’anno scolastico in corso ( settembre 2011-giugno 2012) devono essere ancora presentati all’approvazione del consiglio comunale; dopo tale approvazione potranno essere finanziati e quindi messi in cantiere ( si è quindi perso mezzo anno scolastico)

    5. ciao,
      a causa di traversie famigliari, in questo periodo ho scarse possibilità di leggere e rispondere ai numerosi post che ho visto che continuano ad arrivare ( sono contento di ciò); mi riprometto di ritornare “sul pezzo” nel periodo delle vacanze post natalizie…
      volevo però fare alcune segnalazioni in risposta ad alcune domande circa i documenti del PGT:
      se andate sul sito del comune, all’indirizzo: http://www.comune.assago.mi.it/site/home/prg—pgt-vas-2011/articolo9012517.html
      Trovate il famoso “documento di scoping” del PGT 2011; in questo documento, al paragrafo 3.2 trovate gli obiettivi del PGT e tra questi ci sono anche quelli che riguardano gli insediamenti ; al paragrafo 3.6 invece, trovate l’elenco con nomi e cognomi di coloro i quali hanno inviato le proposte e/o richieste in relazione alla redazione del PGT ; qui potete vedere le richieste di cambiamento delle aree dallo stato attuale a quello che si vorrebbe fosse quello futuro; è sulla base di questo elenco che ho redatto la planimetria dell’articolo su questo sito.
      Se poi volete confrontare gli obiettivi di questo PGT ( non ancora definitivi naturalmente) con i documenti del PGT della amministrazione Raimondo ( non approvato a seguito del voto contrario dell’assessore De Simone e dell’ex vicesindaco e ora assessore esterno all’urbanistica Pagliuca, potete andare , sempre sul sito del comune, a questo indirizzo: http://www.comune.assago.mi.it/site/home/prg—pgt-vas-2011/articolo9011921.html; qui trovate in particolare la tavola A4.1 che riassume come avrebbe dovuto essere Assago se fosse stato votato il PGT di Raimondo; sempre nella parte del PGT non approvato, tra gli atti, trovate il documento di scoping del vecchio PGT di Raimondo; interessanti per fare cofronti potrebbero essere le pagine da 41 a 48…; nella stessa documentazione trovate anche l’elenco delle persone o società che avevano chiesto di poter cambiare le destinazioni di uso delle aree di loro proprietà; noterete che per buona parte sono le stesse persone/società del nuovo PGT; per quanto riguarda il vecchio PGT, tali richieste mi sembra fossero state tutte respinte o l’idea era di respingerle…
      Confrontare già da ora e da qui in avanti , il nuovo PGT e quello non approvato, potrebbe essere una cosa interessante per capire la differenza di idee e strategie circa il futuro di Assago, tra l’attuale maggioranza e la attuale opposizione che , almeno per quanto riguarda il mio gruppo consigliare, si riconosce nel PGT elaborato dalla precedente amministrazione e non approvato , come dicevo prima, per il voto contrario ( voltafaccia? tradimento? redenzione? opportunismo? altro? a voi decidere i possibili motivi….) degli assessori Pagliuca e De Simone .
      auguro a tutti buone feste

    6. bene! Il blog funziona, le informazioni circolano.
      L’aver mantenuto gli impegni assunti è senz’altro un merito per l’Amministrazione, bisogna dargliene atto(ma non dovrebbe essere un dovere? Vabbè, non importa).
      A me però risulta che l’Amministrazione abbia avuto bisogno di un “forte incoraggiamento” per mantenere gli impegni assunti (lettere aperte, assemblee con i genitori, interrogazioni consigliari ecc), ma comunque bene.
      Si vede che quando i cittadini si riappropriano del ruolo di azionisti dell’azienda Assago, riescono a ricordare all’amministratore delegato qualè il suo ruolo e quali sono le linee aziendali da seguire.
      Vediamo se gli azionisti riescono a farsi intendere anche sulle altre questioni di grande importanza e soprattutto se è chiaro all’amministratore delegato che sono le linee degli azionisti a dover essere seguite e non le sue.
      Per mia zia Maria di 93 anni, che segue assiduamente questo blog e che potrebbe avere qualche problema a capire, spiego che gli azionisti sono tutti i cittadini assaghesi e l’amministratore delegato è il Sindaco.
      Le luminarie? A me personalmente non dispiacciono, sono daccordo sul fatto che danno un pò di colore e calore, che non guasta in occasione delle festività natalizie. Quest’anno mi sembra sia stata fatta una cosa ragionevole a differenza dell’anno scorso che sembrava di stare a Las Vegas.

    7. Riprendendo il fantastico accostamento scuola/luminarie del primo commento di Santobuono… nessuno ha ancora detto che la scuola è stata interamente saldata e, di conseguenza, i servizi supplementari (non quelli obbligatori inseriti nel piano del diritto allo studio) saranno garantiti, pur concedendoci il il “lusso” delle luminarie natalizie…

    8. Antonio, i documenti non li trovi sul sito perchè sul sito trovi solo ciò che è formalmente approvato, ma sul documento di scoping – questo sì lo trovi sul sito e come Donato ha giò fatto presente – c’è scritto, magari in politichese stretto ma c’è scritto, che vengono create le condizioni perchè si possano realizzare.
      La furbizia sta nel fatto che non sono chiaramente indicati gli interventi perchè questi interventi hanno e stanno fortemente dividendo la maggioranza (non tutti sono palazzinari in pectore ci sono anche persone che hanno a cuore Assago – almeno spero in questo).
      Così, in funzione di quelli che saranno gli esiti delle negoziazioni politiche in corso potranno essere adottate le scelte di PGT volte o a conservare il territorio o a consumare territorio.
      In questo modo tutti e nessuno potranno dire “… visto che avevo ragione io…”. Tecnicamente è definibile “scappatoia politica”.
      Per la lettura che è possibile fare dal quadro complessivo attuale – post #23 – io personalmente ho maturato la convinzione che il punto di partenza fosse quello delle edificazioni massive nella Assago vecchia, e che al momento, a seguito delle forti resistenze politiche interne e del movimento di opinione che ne è scaturito, il tiro è stato rettificato nel senso del contenimento.
      Poi Antò, per carità, ognuno è libero di credere o pensare ciò che vuole, ci mancherebbe altro.
      Comunque, se le tue perplessità derivano dal fatto che un tale quadro è stato bollato come fantasioso dall’entourage della maggioranza, beh come metti la tara a quello che viene qui sostenuto, devi metterla anche a quello che si sostiene a Musellopoli; certo che per terra restano i fatti e i fatti dicono che una affermazione forte fatta in Consiglio Comunale dall’Assessore Pagliuca circa la veridicità di tali “voci” è stata espressamente smentita dal vicesindaco Settili che ha dichiarato che molto è stato cambiato a seguito della sua decisione di sostenere – dico io “unico e splendido” – la maggioranza.
      Traduco il politichese di Settili: o ci mettiamo daccordo sugli interventi del PGT o vi mando tutti a casa.
      Come ho già detto in altri post, in questo modo Settili ha assunto il ruolo di commissario, non prefettizio ma politico. Come cittadino valuto questa condizione estremamente negativa, ma è una mia opinione.
      Se invece – Antonio – la tua preoccupazione è che queste “insinuazioni” possano macchiare l’aurea verginale dei “nostri”, beh, non ti angustiare per questo, è una virtù che in genere non trova cittadinanza in politica, e a cui non si da troppo peso, anzi, spesso rappresenta una complicazione per se e per gli atri.

      Mi chiedi delle case alla D4. La D4 è una follia nel suo complesso, le vicende che ne hanno portato alla realizzazione sono note a tutti, quindi ora c’è e la dobbiamo governare.
      E’ un comparto prettamente di terziario, allora residenziale al minimissimo giusto solo esclusivamente per servizi di foresteria o permanenze temporanee funzionali alle attività economiche insediate.
      Una Assago 2 con sdoppiamento di servizi (scuole, servizi ecc) non la vedo proprio e credo sia anche poco sostenibile dal punto di visto economico per il Comune.
      Facciamo fatica a integrare la comunità della zona vecchia figuariamoci se dobbiamo sommare quella di un quartiere satellite.
      Provate a pensare a una coppia con bambini, ma questi bambini alla D4 con chi socializzerano? Con le cassiere dei supermercati? Ma ai palazzinari queste cose non interessano, interessa vendere case, magari avveniristiche, dotate dei più sofisticati sistemi di risparmio energetico, ecocompatibili, a quindici minuti dal centro di Milano…
      Il valore delle relazioni sociali, il calore dell’appartenenza a una comunità, l’appartenenza a un territorio non è quantificabile, non si può vendere, quindi non interessa.
      No, Antonio, non mi piace un quartiere residenziale alla D4. Assago in questi ultimi anni ha registrato uno sviluppo fin troppo consistente. Basta edificazioni; concentriamoci ora sul miglioramento della qualità della vita della nostra comunità, c’è molto da fare.

    9. Sig. Anonimo mi piacerebbe vedere con i miei occhi un documento che preveda o prevedeva questi interventi eilizi. Io li ho cercati sul sito del comune ma non ci sono. Se fossero stati inventati… sarebbe molto grave. Inoltre mi piacerebbe sapere cosa ne pensi delle case che stanno costruendo nella famosa zona D4.

    10. #22 antonio

      …grazie per la risposta chiara, sintetica, precisa.
      Ma allora ti voglio dare un motivo di preoccupazione (non ce ne fossereo già abbastanza nel quotidiano…). Vero che non c’è nulla di ufficiale, ma dalla lettura del quadro politico assaghese attuale, di come si sta evolvendo, delle informazioni fornite da chi in Consiglio ci si siede come opposizione, dei contenuti dei post in questi sito, di qualche spiffero che arriva da Via Dei Caduti… quanto meno porta ragionevolmente a maturare la convinzione (almeno in me) che gli interventi che ti ho proposto per gioco siano quelli che vanno (speriamo “andavano”) maturando.
      Se si riesce ad interpretera in anticipo i segnali che portano a individuare percorsi finalizzati ad assumere decisioni non condivise, con un adeguato movimento di pressione magari si riesce quantomeno a limitare i danni.
      Io personalmente preferisco indignarmi prima all’idea che si possa concretizzare una ipotesi negativa che poi magari non si concretizza, piuttosto che attendere che si concretizzi quella che era solo un’ipotesi negativa e indignarmi dopo, anche perchè sarebbe perfettamente inutile.
      Lancio un appello alla rete (via, mi butto alla grande) quanti sono quelli che non vorrebbero che si realizzassero “i miei” interventi edificatori (post 20), lasciate un piccolo cenno su questo blog, sarebbe interessante.
      Antonio ha già risposto.

    11. Anonimo 20.
      Ottimo ragionamento.

      Il PD mette a disposizione questo spazio proprio per aprire delle discussioni con i cittadini.
      Se avessimo voluto fare un sito di propaganda non avremmo aperto il blog.
      Quindi qualunque opinione è ben accetta a condizione che sia supportata da un vero interesse alla conoscenza o ad esprimere punti di vista diversi ma costruttivi.

      Emilio Duminuco

    12. beh, visto che ancora non avete le tasche piene dei miei post, aggiungo ancora un paio di cosine… e mi rivolgo ad Antonio.
      Vedi Antonio, entrambi siamo interessati alle vicende assaghesi ma l’impressione che dai (bada bene, impressione) è quella di chi tendenzialmente non è tanto interessato alle opinioni degli altri, quanto piuttosto a contestare le opinioni degli altri (magari con la recondita speranza che non vengano espresse).
      Trai la conclusione che non ti vogliono rispondere perchè non viene soddisfatta la richiesta di documenti ufficiali? E’ una richiesta che ha un che di vagamente pretestuoso, Simona al riguardo ti ha già spiegato i motivi tecnici.
      Sono certo che il Circolo sarà ben felice di incontrarti dove preferisci per poterti fornire più ampie informazioni e farti visionare la documentazione; se sei veramente interessato chiedilo questo incontro e poi facci sapere la tua impressione, altrimenti dovremo prendere atto che non ti interessa veramente la risposta.
      Ma visto che ci siamo, siccome sono curioso, ti chiedo io delle risposte… ammettiamo pure che le ipotesi formulate circa alcuni possibili interventi urbanistici non siano fondate (propaganda eversiva come si diceva una volta!), bene. Ma se la questione dovessimo risolverla io e te e io ti dico che vorrei costruire nuovi palazzi residenziali dietro la Via Matteotti di fianco al parco Agricolo cosa mi diresti?
      Se ti dico che voglio costruire nell’area del Parco di Via Sicilia, cosa mi diresti?
      Se ti dico che voglio ancora erodere territorio pubblico per creare volumetrie, cosa mi diresti?
      Ciò che conta non è tanto se è vero o meno quello che si dice circa questi ipotetici interventi urbanistici, quanto se ci piacerebbero questi interventi. A te piacerebbero? Prevengo l’obiezione e premetto che non accetto la risposta “…visto che non c’è nulla di ufficiale non vale la pena commentare…” e quindi insisto, a te piacerebbero? Non vorrai mica che debba prendere atto che non mi vuoi rispondere vero… perchè mica ho capito se sei favorevole o contrario agli interventi paventati o sei solo contrario a che se ne parli.

    13. Sig.ra Simona mi riferivo solo ai documenti sugli argomenti di cui parlano i consiglieri Santobuono e Duminuco quindi Bazzana, D4. Aree verdi dove vengono costruite case,bonifiche

    14. caro anonimo, io condivido esattamente il suo pensiero sull’utilizzo delle nuove tecnologie, per questo cerchiamo come circolo di alimentare il più possibile il sito. speriamo che questo scambio come si sta intensificando continui ad essere sempre costruttivo e possa coinvolgere sempre più persone.

      per cui continui pure a scrivere senza problemi!

      antonio, non so perchè non ha trovato documenti sul sito del comune, ad ogni modo mi tocca confessarle che ad oggi il nostro comune trasmette ancora i documenti ai consiglieri (centinaia di pagine) in formato cartaceo e questo provoca due effetti, un enorme spreco di carta e di soldi e l’impossinbilità per noi di pubblicarli in rete. non ce ne voglia ma non abbiamo il tempo (non so nemmeno se sarebbe lecito) di scannerizzarli pagina per pagina tutti e pubblicarli.

    15. Ho fatto solo delle domande e sono considerate polemiche! Prendo atto che non si vuol rispondere! Perche’ su questi argomenti non pubblicate documenti ufficiali del comune, sul sito del comune non li ho trovati. Spero che anche questa mia richiesta non sia considerara polemica!

    16. Cara Simona, se Antonio non fosse entrato nella discussione – anche se in modo retorico e polemico – avresti avuto una occasione in meno per spiegare ai visitatori (e non solo ad Antonio) un aspetto poco conosciuto e molto importante delle vicende legate alla benedetta (o sciagurata?) metropolitana.
      Certo che ci si rende conto che siamo ospiti del sito di un partito politico ed è quindi naturale che venga proposto il punto di vista del partito… proprio quello che si chiede o si cerca, vuoi per condividere vuoi per denigrare o controbattere.
      La rete è diventata un luogo di comunicazione di straordinaria importanza; manifesti, volantini sì, servono per “marcare” il territorio e quindi svolgono una funzione ancora importante, ma non sono più sufficienti.
      La rete è la nuova “piazza” elettorale; utilizzare un “linguaggio” comunicativo appropriato che coniughi gli elementi di competenza con capacità relazionali mirate, consente di sfruttare al meglio tutte le potenzialità attrattive del web per una più vasta diffusione del pensiero, attraversando in verticale tutti gli strati sociali e generazionali.
      Da qui è nata la mia esortazione a coltivare bene questo spazio di informazione, senza chiedervi di dimenticare che si tratta del sito di un partito ma al contrario, di ricordarvelo sempre, perchè si possa disporre di un prezioso strumento di comparazione tra le varie posizioni.
      Poi ognuno maturerà la propria opinione, e in questo aiutano non solo i contenuti ma anche la capacità di proporli con linguaggi e dinamiche relazionali moderne.
      Mi rendo conto da solo che in questi giorni ho esagerato con gli interventi e quindi ritengo giusto liberarvi dalla mia presenza per un certo periodo… buone feste a tutti.

    17. Sig. Anonimo è nostro primo interesse cercare di fare formazione in questo sito, ma, come è giusto che sia, questo è il sito di un partito. di conseguenza le notizie, che sono sicuramente vere, vengono commentate secondo il punto di vista del partito. Ci riteniamo aperti a tutti gli interventi ma i documenti del comune cono consultabili sul suo sito o direttamente in comune.
      Ad ogni modo aggiungo un paio di info giusto per rispondere a qualche dubbio (spero!):
      l’ex sindaco Raimondo non poteva cancellare i progetti della Bazzana e della D4 perchè erano già stati approvati da Musella appena prima delle elezioni del 2005. ha potuto solo fare delle modifiche (es. inserimento polo universitario alla D4, costruzione di appartamenti da dare in affitto a canone moderato ai residenti alla Bazzana), per rendere più utili ai cittadini i due nuovi quartieri, che sono state puntualmente cancellate al ritorno di Musella.
      Infine Raimondo non aveva finito la metro giusto perchè aveva fatto la voce grossa con Milano e ATM in quanto non voleva dare i 3mln in più non previsti, mentre gli altri enti (molto più grandi e interessati alla metro rispetto ad Assago)avrebbero dovuto dare meno.
      Forse Musella avrebbe fatto bene a non accontentare la richiesta, questa è la causa principale del fatto che ora ci troviamo a rischiare di sforare il patto di stabilità.

    18. beh, in attesa delle “vere” risposte mi piace sottolineare un fatto estremamente positivo: vengono fatte delle domande.
      Chi per avere informazioni, chi per avere termini di paragone tra l’operato delle varie amministrazioni. Ma vivaddio, abbiamo segnali di vita dalla gente assaghese, da troppo tempo assolutamente passiva e inerte.
      Antonio ha diritto di sapere, magari la domanda può essere retorica e tendente alla polemica, ma se la si “legge” come una domanda di chi potrebbe essere in procinto di scoprire che esiste anche l’altra metà del cielo, sconosciuta e per questo temuta, come sempre si teme ciò che può insinuare dubbi laddove ci sono solo certezze e non si è preparati ad accettare certezze “diverse”, beh, forse ciò di cui ha bisogno Antonio non è una sferzata nervosa ma un quadro oggettivo,logico e chiaro. Magari non servirà a convincere Antonio, ma potrebbe essere utile a molti altri.
      Non voglio dare consigli non richiesti ma accettate una esortazione: coltivate questo spazio di informazione e di scambio di opinioni con la sola forza della chiarezza e della pacatezza, solo così potrà rappresentare una – anche se piccola – straordinaria risorsa alternativa al nulla che ammanta Assago, creando così le condizioni per allargare la comunità dei visitatori non limitandola ad “amici” e “nemici” ma a tutti coloro che, quantomeno, hanno bisogno di conoscere più punti di vista per formarsi una propria opinione.

    19. Gentile Antonio,
      Quando vedo Raimondo gli chiedo perche’ non ha concluso la Metrò e poi le faccio sapere.

      Se Lei invece vedesse Musella, gli chieda perche’ dagli anni novanta( da quella data sento parlare del metrò….) ad oggi non è riuscito a finirla lui la metrò visto che tranne che per quattro anni, ha sempre governato lui.

    20. Inoltre non mi ha risposto sulla metropolitana sig. Donato! Perche’ Raimondo non ha concluso e pagato la metropolitana?

    21. Ma un consigliere comunale diceva al bar che il terreno dietro via Matteotti e’ inserito nel bosco in citta’! Non potete pubblicare il documento del comune cosi’ capiamo quale e’ la verita’? Consigliere Santobuono perche’ l’ex sindaco Raimondo ha approvato sia la Bazzana che la famosa D4.

    22. Gentile Donato sono previste nuove costruzioni alla Bazzana rispetto a quelle deliberate dalla giunta Raimondo?

    23. Caro Antonio,
      nel mio precedente post ho detto chiaramente ( mi sembra) che ho in tasca opinioni e non certezze e quindi non pretendo assolutamente di avere il “monopolio” del bene di Assago.

      per l’autore del post 3:
      certo le mie sono ipotesi, faziose magari ma non campate per aria:
      quando in un volantino abbiamo detto che il comune voleva vendere un’area dietro le case di Via matteotti 9 e 15, la maggioranza ha scatenato un putiferio dicendo che siamo dei bugiardi e addirittura ha fatto una interrogazione in consiglio comunale a noi della minoranza ( penso unico episodio nella storia dell’universo!! di solito e’ la minoranza che interroga la maggioranza) per chiederci le prove dell’affermazione ; poi si legge in un articolo di giornale che alcuni che volevano “fuoriuscire” dalla maggioranza sono rientrati anche a seguito dell’assicurazione che quell’area non verrà messa in vendita…

      Poi c’e’ l’area di Via Roma: in un volantino del PDL si diceva che quell’area veniva messa in vendita per farci un mercatino e la sede della posta , cose che tutta la popolazione vuole ; poi in consiglio comunale si nega addirittura che tale area era stata messa tra quelle in possibile vendita nel bilancio preventivo del 2011…

      Poi c’e’ il documento di scoping del PGT che non esclude edificazioni residenziali sia su aree comunali sia su aree private ( puo’ andare a vederselo sul sito comunale o puo’ leggere un articolo messo su questo sito…)

      Poi c’e’ una convocazione della commissione urbanistica per il 20 dicembre dove tra i punti all’ordine del giorno c’è la proposta di una modifica alla convenzione della bazzana ….

      e poi c’e’ il pregresso : se guardiamo le modlità amministrative di Musella, troviamo costruzioni che servono per finanziare opere più o meno utili o più o meno grandi che poi impongono ulteriori spese per coprire le quali si fanno ulteriori costruzioni e così via di nuovo .

      Lei puo’ certamente attendere la presentazione del PGT con fiducia e serenità; io non ci riesco

    24. per quanto mi riguarda, considerato che il mio interesse non è quello di giustificare o difendere l’operato di questa o quella coalizione, lista o partito, lascio ad altri fare le analisi politiche del proprio operato.
      Registro semplicemente che sono tre legislature in fila che in qualche modo ci sono fuoriuscite di consiglieri dalla maggioranza.
      A puro titolo di cronaca c’è da registrare una curiosità: in due legislature (Musella sino al 2004 e Raimondo sino al 2008) tra i fuoriusciti si annovera l’oggi assessore esterno Pagliuca dell’attuale Giunta Musella, uno dei due assessori per i quali il Vicensidaco Settili ha chiesto che venga revocata la deroga; boh, non conosco le ragioni che hanno portato l’assessore Pagliuca in passato ad abbandonare la maggioranza, ma se non condivideva più le politiche intraprese dalla coalizione di appartenenza ha fatto bene.
      Ma ciò che è veramente interessante rilevare è questo: mentre Raimondo ha tratto le conclusioni politiche e ha subito rimesso il mandato agli elettori, Musella si è comportato e si stà comportando in modo completamente diverso. In passato ha portato il consigliere Vettorel in barella nell’aula consigliare perchè potesse dare il proprio voto per non andare sotto nelle votazioni e oggi riesce a fare cambiare idea al Vicesindaco che, immolandosi alla causa, recede dai propri propositi dissenzienti.
      Mi piacerebbe conoscere le motivazioni che stanno alla base di due così diversi modi di intendere il mandato elettorale.

    25. Ma perchè il sindaco precedente non ha concluso i lavori della metropolitana e quindi saldato tutto?
      Sig. Santobuono é possibile pensare che ognuno abbia una sua idea di bene comune e che la perseguano in buona fede?

    26. Sono certo che Donato darà un suo giudizio al post #3, io mi sento di esprimere un’opinione come semplice cittadino.
      Il PGT è (o almeno dovrebbe) essere frutto di un processo piuttosto lungo e articolato durante il quale vengono formulate ipotesi, proposte e desiderata vari, e dato che stiamo parlando di questioni pubbliche e non private è normale che qualche elemento caratterizzante venga alla luce direttamente (manifestazioni di idee e propositi) o indirettamente (leggendo quà e l’ha qualche documento e leggendo il contesto politico senza partire da posizioni preconcette).
      La “protocollazione” è l’atto con il quale viene legalmente adottato il PGT… ma non è che è che il PGT piove dal cielo all’improvviso…
      Durante il processo può capitare che le scelte urbanistiche proposte dalla Giunta non coincidano con quelle del programma elettorale e così cinque – ops, scusate – tre consiglieri decidano di uscire dalla maggioranza, è un dato non una ipotesi.
      Può capitare di leggere, dico leggere, che il vicesindaco dichiari di sostenere ancora la maggioranza perchè a seguito di chiarimenti interni molte cose hanno trovato soluzioni diverse; è un dato non una ipotesi.
      Poi, anche se a seguito di eventuali ipotesi faziose, i governanti vengono richiamati a perseguire con maggiore rigore gli interessi della collettività e non cedere a indulgenze verso i portatori di interessi privati del territorio, beh, meglio così, o no?
      Poi, visto che stiamo parlando di ipotesi… vedremo se entro l’anno verrà rispettato il patto di stabilità ed eventualmente come… così ci sarà la possibiiltà di stabilire il grado di faziosità di alcune ipotesi.

    27. è ovvio che il privato chieda. Meno scontato che la municipalità conceda a piene mani per fare cassa. Sembra che tu già sappia le decisioni della maggioranza, come se tu, novello paragnosta, leggessi i pensieri di Musella & co. In verità stai parlando basandoti su ipotesi faziose. Non puoi sapere niente perchè il PGT non è ancora stato protocollato. Tu supponi e basta.
      Retorica, strumentalizzazioni, ipotesi, faziosità. Fatti, ZERO!

    28. Racconto un po’ di me stesso per Antonio:
      ho 55 anni e vivo ad Assago dal 1984; in quegli anni ho fatto parte della consulta per il tempo libero ,raggruppamento di associazioni e cittadini, che organizzava momenti e iniziative culturali e ricreative in associazione col comune; faccio parte del gruppo comunale della protezione civile perche’ considero un dovere civico essere disponibile in caso di emergenze per dare una mano nel territorio in cui vivo…
      ho cercato e cerco di portare avanti le mie idee sul territorio attraverso l’impegno politico nel circolo del PCI, prima,poi PDS, poi DS e ora PD; mi e’ capitato in proposito di fare la campagna elettorale per il sindaco Musella negli anni in cui era a capo di una coalizione PCI/PSI….(come cambiano le persone…)
      nelle ultime elezioni sono stato eletto consigliere comunale nella lista Raimondo per Assago.
      faccio il bene di Assago? mah, io spero di si , nel mio piccolo, anche se non ho certezze in tasca ma solo opinioni .
      qual’e’ secondo me il bene di Assago? faccio qualche piccolo esempio preso anche da quanto porto avanti dentro e fuori dal consiglio comunale:
      se bisogna scegliere se spendere decine di migliaia di euro per le luminarie o pagare i compensi del 2010 agli insegnanti e operatori che hanno effettuato i progetti comunali per il diritto allo studio alla nostra scuola, io scelgo di dare i soldi per la scuola (mentre lei potrà vedere delle luminarie sfavillanti…).
      se c’e’ da scegliere se spendere migliaia di euro per un concerto di Orietta Berti o star similari ( con tutto il rispetto) o finanziare le attività delle associazioni presenti sul territorio, scelgo di dare i soldi alle associazioni del territorio che cercano di dare ad Assago momenti di aggregazione ludica , culturale e sociale .
      Se c’e’ da scegliere se fare un “palio delle cascine” che non ha radici nella storia del paese o dare un aiuto a chi perde il posto di lavoro o non riesce a pagare il mutuo della casa…io penso che sia piu’ importante aiutare chi rimane indietro.
      Se c’e’ da scegliere se dare allegramente tre milioni extra per una metropolitana che serve piu’ a chi lavora a Milanofiori o va ai concerti del forum che agli assaghesi col rischio di dover vendere per questo i beni del comune , di sforare il patto di stabilità e non pagare i fornitori mettendoli sul lastrico.. io penso che si poteva fare un po’ di piu’ la voce grossa prima di dare i soldi.

      Se c’è da scegliere se fare un “bosco in città” da 3 milioni di euro di cui 1,5 per edifici e manufatti (con fontane, laghetti, ponti ecc) col rischio che per finanziarlo bisogna costruire e cementificare le ultime aree del centro abitato, io scelgo di qualificare la campagna ma mantenedone le caratteristiche paesaggistiche del territorio.
      poi c’è il PGT in corso di formazione…e ci sarebbe ancora molto altro ma non vorrei dilungarmi troppo.. spero di aver risposto ad Antonio

    29. Ma lei sig. Santobuono fa il bene di Assago? Come si esprime il suo bene? Prima di porre i dubbi sugli altri ci racconti di se stesso!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>